Neuropsicologia
Per pazienti > Offerta terapeutica > Neuropsicologia

Miglioramento del coordinamento tra vita, pensiero e comportamento

Neuropsicologia

La neuropsicologia è un settore della ricerca del cervello. Essa si occupa delle relazioni esistenti tra sistema nervoso centrale, vita, pensiero e comportamento. Gli ambiti di lavoro della neuropsicologia sono quelli della ricerca scientifica delle relazioni tra cervello e comportamento, la diagnostica clinica e la terapia dei disturbi cognitivi.

Diagnostica neuropsicologica clinica

I neuropsicologi spiegano disturbi organici celebrali presunti o conosciuti. Il danno cerebrale può avere differenti cause: può essere di natura congenita oppure, nella maggioranza dei casi, derivare da una malattia o un incidente.
La diagnostica neuropsicologica prevede test di più ore che consentano di accertare disturbi cognitivi nell'attenzione, percezione, memoria, pensiero, lingua e pianificazione delle attività cosi come di comprendere i disturbi affettivi. A ciò si aggiunge l’accertamento di possibili modificazioni della personalità nonché l'elaborazione psichica della malattia o dell'incidente. Accanto ai colloqui sono effettuati test con carta e matita e procedure di indagine con l'utilizzo di computer; è effettuata inoltre una approfondita anamnesi propria ed esterna.

Terapia neuropsicologica

Lo scopo principale del trattamento neuropsicologico è quello di raggiungere la maggiore autonomia del paziente nelle sue differenti attività durante il giorno, a scuola o al lavoro. Si tengono in considerazione fattori psicosociali e lavorativi. La terapia avviene da ricoverati, ma può anche essere proseguita a seguito delle dimissioni a livello ambulatoriale. Esistono possibilità terapeutiche per differenti ambiti funzionali quali ad esempio attenzione, memoria, pianificazione delle azioni, controllo degli errori, elaborazione visiva-spaziale ecc. Queste terapie sono eseguite con carta e matita ma anche al computer o con specifici mezzi (quali ad esempio la "forma L", scoperta a Valens). Il compito dei neuropsicologi è quello di elaborare e utilizzare con i pazienti differenti strategie di intervento e tecniche di comunicazione. Si tratta di soluzioni specifiche per le difficoltà personali dei differenti pazienti. Sono ricompresi colloqui e la rielaborazione della malattia o dell'incidente.

Psicologia del traffico

 

Per molti pazienti, al termine del periodo di riabilitazione, il problema della mobilità è di importanza centrale. Il paziente in grado di guidare migliora la propria qualità della vita e aumenta l'indipendenza. Per determinare la capacità di guida si opera su quattro livelli:

•valutazione medica
•comprensione neuropsicologica e relativa alla psicologia del traffico
•simulazione di guida
•se indicato: prova di guida con l'istruttore della clinica

Nella diagnostica relativa alla psicologia della guida sono valutati, attraverso esercizi da compiere cono foglio e matita o al computer, ambiti quali la percezione visiva-spaziale, l'attenzione, il controllo degli impulsi, il controllo degli errori, l'attenzione su un oggetto o su più oggetti, la capacità di sopportare lo stress, lo sguardo su traffico ecc. I risultati dei test sono raffrontati, come per tutta l'attività diagnostica neuropsicologica generale, con prove a campione che tengono conto di età, formazione e sesso.

Ricerca del reparto neuropsicologia e psicologia del traffico

Il reparto di neuropsicologia e psicologia del traffico effetta ricerche in collaborazione con la medicina e l'università di Zurigo nel settore dell'apprendimento alla guida e della riabilitazione neuropsicologica. Accanto alla ricerca su questioni cliniche sono anche seguite tesi di laurea dell'università di Zurigo.